IL PONTE – La società spiega la decisione della mancata presentazione alla semifinale playoff

 

 

Egregio Sig. Presidente Zarelli, ed egregi sigg.ri Colantuoni e Tosini, la società SSD Il Ponte Calcio a 5 prende le distanze dalla scelta del Comitato Regionale del Lazio nel far disputare  le semifinali playoff di Serie C2 presso il Pala Pestalozzi di Pomezia (sito in Via Danimarca) – struttura annessa ad un complesso scolastico chiuso precauzionalmente  tramite ordinanza del Comune, fino ad oggi – dopo l’incendio avvenuto lo scorso 5 maggio nella fabbrica EcoX, distante appena 8,5 chilometri dallo stabile della medesima città. Infatti, da quanto emerge dai primi parziali esiti degli accertamenti della Asl di Pomezia, come spiega il procuratore di Velletri Francesco Prete, “sono state rilevate presenze di amianto nel materiale campionato” (referto del 09/05/2017 visibile dal link sottoriportato).

Già nella giornata di ieri (lunedì 8 maggio) Il Ponte C5, più volte, ha tentato di mediare con il Comitato, rappresentandogli le preoccupazioni dei propri tesserati che, verosimilmente, non possono essere compatibili con una giornata all’insegna dello sport e quindi di festa. Proponendo lo spostamento della gara in altro impianto, anche in casa dell’avversario di turno o in altra data, ma tutto è risultato vano e neanche proponibile secondo il Comitato.

Per questo motivo, la società de Il Ponte, in accordo tra staff e giocatori, per tutelare la salute dei presenti, ritiene opportuno non presentarsi questa sera al centro sportivo.

 

Ufficio Stampa

Copyright © 2013 futsalive.it - Tutti i diritti riservati.